• “Quali sono i giusti tempi di recupero nell’allenamento dei portieri?”

    ALLENAMENTO-NAPOLI-IEZZO_primo

    Oggi ti parlo del mio pensiero sui tempi di recupero nell’allenamento dei portieri, secondo il mio punto di vista i recuperi tra un esercitazione e l’altra non devono essere troppo lunghi questo perchè come ho gia spiegato in precedenza dare troppo recupero rischia di rendere l’allenamento “soporifero” e dal mio punto di vista poco allenante per il portiere.

    Il periodo in cui si può dare un po più di recupero è il ritiro pre-campionato in quanto il portiere muscolarmente non è ancora pronto per resistere a degli sforzi importanti, ma durante la stagione è fondamentale non dare troppi tempi di recupero.

    Ovviamente questo è comunque a tua discrezione, se l’esercitazione che hai fatto è stata impegnativa sta a te vedere quando è il momento di ricominciare con l’esercitazione successiva oppure no, non deve essere un massacro, anche perchè otteresti l’effetto contrario, ma sai che io sono fissato con l’allenamento fatto con intensità  e se non lo sai basta che leggi i miei articoli e lo intuisci subito,  🙂  semplicemente perchè credo fermamente in questo modo di allenare.

    Durante il recupero se vedi che un tuo portiere si sdraia per terra per recuperare fallo alzare e fallo recuperare facendolo camminare, prima di tutto perchè non è bello da vedere, specialmente se c’è qualcuno fuori che guarda, e poi perchè camminando magari andando a recuperare i palloni si recupera meglio, facendo anche degli esercizi classici per il recupero enspirando e inspirando, e  facendo degli esercizi di stretching per rendere più elastica la muscolatura.

    Nella fase di recupero si può anche aggiungere un circuito per gli addominali, le flessioni e i dorsali, facendo 20 ripetizioni per tipologia di esercizio, il recupero deve essere sempre attivo e mai passivo, stando curvi sulla schiena con le mani sulle ginocchia posizione classica  🙂 o stando sdraiati per terra, inoltre può essere anche utile eseguire delle esercitazioni per la decompressione della colonna.

    Lo so magari può sembrare scontato tutto questo ma io te lo dico lo stesso perchè amo sottolineare anche i minimi particolari che secondo me fanno la differenza. 🙂

    Comments

    comments

    5 commenti

    1. antonio muresu

      7 anni fa  

      Ciao Mario.
      Sono d’accordo anche io sul recupero attivo.
      Saluti Antonio


    2. mirco

      7 anni fa  

      condivido a pieno ciò che hai scritto. in più ai piccoli portieri recupero attivo con 30-40 battute a terra per migliorare la presa.:-)


    3. Patrizio

      7 anni fa  

      Ciao Mario,
      anche io sono d’accordo sul recupero attivo anche se credo che sia un discorso fattibile per quanto riguarda l’allenamento del giovedì o del venerdì…ad inizio settimana io solitamente svolgo sedute più intense e cronometro ogni recupero in circa 1 minuto e mezzo, 2 minuti massimo…e consiglio ai miei portieri di svolgere in questo tempo qualche esercizio di allungo muscolare!
      un saluto
      Patrizio!!!


    4. Mario Vella

      7 anni fa  

      Ciao Patrizio, è perfetto come fai tu l’importante è che il tempo di recupero sia utilizzato per fare qualche cosa come allungamento muscolare evitando di stare fermi. Un saluto, Mario


    5. Mario Vella

      7 anni fa  

      Ciao Mirco, va benissimo anche come fai tu ripeto l’importante è che si faccia qualcosa. Saluti, Mario 😉


    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close