• Settore giovanile: “Cosa fare se alleno un numero alto di portieri”

    rossi parata

    Nei settori giovanili soprattutto,  accade che il preparatore dei portieri si trova a lavorare con un numero molto alto di portieri che hanno tra di loro diverse età, capacità e strutture fisiche, questo succede spesso per questioni economiche della società o mancanza di tempo.

    Tutto questo comporta il preparatore a trovarsi in una situazione di difficoltà in quanto deve riuscire ad unire le richieste della società e riuscire a fare un lavoro utile per i portieri.

    La domanda che un preparatore spesso si fa è questa

    Come faccio ad allenare contemporaneamente un alto numero di portieri in modo efficiente?

    Può essere utile dove possibile riuscire a raggruppare i portieri nelle categorie più vicine tra di loro, per esempio fare lavorare insieme pulcini ed esordienti,  giovanissimi e allievi e juniores e prima squadra.

    Se invece è necessario restringere ancora di più il campo si può unire pulcini, esordienti e giovanissimi e allievi juniores e prima squadra.

    Una volta creati i gruppi di portieri si dovrà preparare un programma di lavoro che comprende coordinazione, tecnica di base, allenamento di situazione e fisico ovviamente ogni gruppo avrà degli obiettivi diversi da raggiungere a seconda dell’età dei portieri.

    Con i portieri di età più giovane dobbiamo prestare attenzione nel programmare bene il lavoro in modo da evitare che si facciano male e si allontanino dal ruolo prima del dovuto.

    Ma cosa c’è di positivo nell’allenare tanti portieri insieme e di diverse età?

    L’aspetto positivo è che i più piccoli e quindi inesperti possono guardare i più grandi e imparare da loro con più facilità avendo un esempio sa seguire.

    Quando si lavora in questo modo è facile che chi è meno capace nello svolgere un esercizio possa buttarsi giu di morale la bravura del preparatore è quella di incoraggiare i portieri e complimentarsi con loro per l’impegno che ci stanno mettendo facendogli capire che con l’applicazione anche loro arriveranno a un livello maggiore.

    Se è possibile cerca durante gli allenamenti di coinvelgere più portieri possibili nelle esercitazioni così da non creare cali di concentrazione.

    -Il lavoro a gruppi può essere svolto in questi 4 modi

    – Lavoro di gruppo per tutti i portieri contemporaneamente.

    Esercitazioni a coppie di portieri o a tre portieri.

    – Divisione dei portieri in due gruppi che lavorano a giro.

    – Utilizzo dei portieri che non lavorano come attaccanti o difensori nel caso in cui si lavori sulle   situazioni di gioco.

    Concetto di Claudio Rapacioli autore del libro “La preparazione stagionale coordinativa, tecnica, tattica e condizionale del portiere”

    Comments

    comments

    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close