• “Come impostare gli allenamenti a seconda delle esigenze del tuo allenatore”

    allenamento portieri

    Può capitare durante una stagione che l’allenatore cambi e che quindi la squadra si trovi a giocare con un modulo differente da quello che era adottato dal mister precedente,

    oppure che sia il preparatore dei portieri a cambiare squadra e a doversi adattare alla nuova situazione.

    Quando questo capita la prima cosa che deve fare un preparatore dei portieri è cercare di capire attraverso il dialogo con i portieri che tipo di lavoro si svolgeva con il preparatore precedente,

    capire il tipo di condizione fisica e tecnica hanno i portieri e cercare di adattare il proprio lavoro senza stravolgere completamente quello che facevano in precedenza fin da subito, ma cercare di inserire piano piano le proprie metodologie.

    Se invece è l’allenatore a cambiare, la preoccupazione maggiore del preparatore dei portieri è cercare di capire con che modulo intende giocare e quindi adattare gli allenamenti a situazioni di gioco più consone al modulo che adotterà il nuovo mister, inoltre il preparatore dei portieri deve chiedere al nuovo mister quanto tempo ha a disposizione per lavorare in modo da riuscire a programmare il proprio allenamento senza trascurare l’allenamento per i portieri.

    E’ utile infatti che oltre che ai portieri della prima squadra ci siano anche i due della juniores in modo che se il mister chiede i portieri per fare delle esercitazioni si possa ruotare in modo che nessuno perda l’allenamento cosa che allenandone due non è possibile in quanto l’allenamento verrà interrotto completamente.

    Ovviamente se l’allenatore è abituato a fare la partitella subito dopo 20 minuti dall’inizio dell’allenamento e dopo il lavoro fisico, i portieri dovranno essere riscaldati per essere pronti per la partitella, e successivamente si potrà iniziare a lavorare nello specifico, ritengo che sia utile che la partitella iniziale la facciano i portieri della juniores specialmente  se questa viene fatta all’inizio dell’allenamento così da poter lavorare in modo più continuo con quelli della prima squadra.

    Se invece la partitella viene fatta a fine allenamento ovviamente i portieri che andranno a giocare saranno quelli della prima squadra e quelli della juniores potranno andare a fare la doccia.

    Ci tengo a fare un appunto, una volta creata un po di confidenza con il mister se richiede i portieri per fare gli schemi e l’unico compito del portiere è passare la palla al terzino e basta senza che lui partecipi attivamente all’esercitazione, se è una persona intelligente con cui si può parlare, prova a fargli notare l’inutilità di questa cosa, se invece hai a che fare con un ignorante presuntuoso allora avvicinati alla porta e lavora a turno fuori dalla porta con il portiere che non lavora.

    Secondo me è preferibile che i portieri siano presenti se si eseguono esercitazioni di attacco contro difesa, dove hanno possibilità di allenare qualcosa di utile, in modo che assimilino mentalmente quelli che sono i movimenti dei propri difensori e si abituino a richiamarli alle marcature.

    Comments

    comments

    2 commenti

    1. SCANU MARIO

      7 anni fa  

      DA DOMENICA FACCIO ANCHE IL MISTER,COME POSSO NON TRASCURARE,IL LAVORO COI PORTIERI,E SEGUIRE IL RESTO,DELLA SQUADRA?


    2. Giovanni

      7 anni fa  

      Non rubi mai un secondo, perchè ogni suggrimento che proponi anche se per alcuni è scontato, per altri è prezioso


    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close