• “Svelato il segreto per avere un portiere sempre affidabile”

    681490

    Uno dei metodi di lavoro più efficaci che differenziano i migliori preparatori dei portieri in circolazione è senza dubbio la capacità di allenare i portieri sulle situazioni di gioco che essi si troveranno ad affrontare durante la gara, quindi è importante mettere in condizione i portieri di richiamare durante la gara ufficiale situazioni che loro vivono abitualmente durante la settimana in modo da diminuire le possibilità di trovarsi impreparati.

    Le situazioni di gioco che il portiere si trova ad affrontare durante una gara ufficiale senza alcun dubbio sono le uscite alte,uscite basse, la gestione dello spazio dietro i difensori,gli accorciamenti in area, diciamo che l’intervento di parata è la parte minima nell’arco dei 90 minuti, sono molto più richiamate le altre situazioni prima citate.

    Quindi per ricreare le situazioni di gioco dopo le esercitazioni, sono molto importanti le partitelle svolte con la squadra dove il preparatore deve seguire il portiere e impartirgli consigli da dietro la porta in modo da correggere quelli che sono sia i difetti di impostazione che di gestione della difesa.

    DIFFERENZE TRA IL PORTIERE CHE “PARLA” E PORTIERE CHE NON “PARLA”

    Molto spesso si sente dire che il portiere durante le partite alla domenica parla poco o non parla, voglio chiarire cosa si intende per portiere che non parla e per portiere che parla, il portiere detto che non parla è quello che non da direttive utili ai compagni, e più che essere un ancora di salvataggio per loro, è un ulteriore problema che essi si trovano ad affrontare, questo portiere si preoccupa principalmente di intervenire solo sulle situazioni tecniche come parare, fare uscite alte, basse ecc..

    Il portiere che parla è quello che tiene sveglia la squadra, si fa sentire, chiama gli uomini ai compagni anche se vedono che li stanno marcando, risolvono i problemi ai difensori specialmente sulle palle che richiedono un accorciamento in area, in breve sono partecipi alla manovra e ai movimenti dei compagni e trasmettono al compagno il fatto che loro ci sono e che si può contare su di loro, il portiere per conquistare la fiducia dei compagni prima di preoccuparsi di parare deve essere bravo nel gestire il cosiddetto lavoro sporco come uscire, chiamare i compagni, avere un tono di voce forte e deciso che gli trasmetta sicurezza, e ovviamente togliere le castagne dal fuoco con le parate che poi sono una delle cose che danno più emozioni a un portiere e a chi lo vede.

    Comments

    comments

    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close