• “Scopri un metodo per far eseguire il riscaldamento pre-allenamento ai tuoi portieri”

    Freyelupatelli

    Come ben sai nell’allenamento dei portieri una fase cruciale è il riscaldamento che  è fondamentale in quanto permette di iniziare l’allenamento vero e proprio alla massima intensità, a mio parere non dovrebbe durare meno di 15 minuti,  ci sono vari metodi di  riscaldamento pre-allenamento che si dividono attraverso l’utilizzo del pallone oppure a secco.

    Io ritengo che si debba dare priorità  al pallone,  perchè è chiaro che maggiore sarà il suo utilizzo e maggiore sarà la confidenza che i portieri hanno con esso, in sintesi

    Il pallone deve essere sempre presente.

    Per cui il riscaldamento pre-allenamento può essere svolto sia attraverso esercitazioni con i piedi, che con le mani, tieni presente nei tuoi allenamenti che è importante trovare delle strade per coinvolgere tutti i portieri a disposizione.

    Ok perfetto ma come faccio praticamente?

    Per esempio si può creare un quadrato con i cinesini delle dimensioni che variano a seconda del numero dei portieri e si fanno effettuare tra di loro scambi palla partendo con i piedi, con traiettoria rasoterra poi in controbalzo, al volo.

    Dopodichè si può passare a lavorare con le mani quindi raccolta rasoterra, con rimbalzo, all’addome e al viso per poi arrivare a dei piccoli stacchi in presa alta.

    Questo secondo me è un buon riscaldamento perchè si abbina il riscaldamento e l’aspetto tecnico contemporaneamente.

    Tieni bene presente che

    tutto deve essere svolto nei primi 2-3 minuti in maniera blanda, ecco perchè è consigliabile iniziare con i piedi, in modo da non dover fare eseguire all’inizio piegamenti o spostamenti che potrebbero causare infortuni.

    Dopo la fase di riscaldamento se in programma ci sono esercitazioni in porta che richiedono tuffi è utile eseguire un piccolo adattamento dei portieri con il contatto a terra questo perchè può essere traumatico per un portiere doversi tuffare direttamente per terra partendo da in piedi.

    Se c’è da eseguire un lavoro dove è richiesto il tuffo il portiere è veramente caldo quando si prepara bene su questa componente.

    Mentre per i giocatori può bastare una corsa, degli scambi palla e skip, perchè a loro serve scaldare le gambe,  il portiere per essere caldo e dare il 100% in un tuffo deve prima

    prepararsi ad avere un contatto con il terreno

    perchè oltre alle gambe devono essere calde le braccia, la schiena, un po tutto il corpo, quindi tieni sempre in considerazione questo aspetto perchè

    la maggior parte dei portieri preferirebbe prima di andare a terra avere un contatto con il terreno graduale.

    Ricordati bene questa ultima mia osservazione perchè è una cosa che quasi nessun portiere si permetterebbe di chiederti mai anche se vorrebbe farlo  🙂

    Tornando al discorso di prima diversamente  se dobbiamo lavorare sulle palle alte allora si dovrà andare a preparare il portiere in maniera differente, ricordati che

    Il riscaldamento va eseguito in base all’obiettivo che ci siamo prefissati per l’allenamento del giorno!

    Comments

    comments

    4 commenti

    1. zubygiaretta

      8 anni fa  

      Innanzi tutto ..grazie.Mi trovi abbastanza concorde con quello che hai indicato.Trovo che questo tipo di pre-riscaldamento sia soft il giusto anche perchè nel frattempo trovo utile chiaccherare un pò…anche della partita e non solo.Ciao


    2. Lorenzo

      8 anni fa  

      Concordo con te nel considerare questo momento del riscaldamente pre-allenamento forse il più importante dell’intera seduta. Anch’io, come da te consigliato, lo faccio iniziare con un pò di corsa leggera con l’utilizzo del pallone sia con i piedi che con le mani (qui mi sono fatto aiutare da mio figlio che ha giocato a pallacanestro) e devo dire che veramente i ragazzi si divertono di più scongiurando quella noia che potrebbe sopraggiungere con la sola corsa. Grazie!


    3. Portiere

      8 anni fa  

      Ciao Lorenzo, ritengo che come scritto il pallone ci debbe sempre essere in un allenamento anche per prendere confidenza e padronanza il più possibile. Ciao Mario


    4. Portiere

      8 anni fa  

      Assolutamente, l’importante è che venga fatto con la massima applicazione. Ciao Mario


    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close