• “Ecco dei modi per migliorare la tecnica di rilancio con le mani del portiere”

    RTEmagicC_Peruzzi_1.jpg

    Nell’allenamento dei portieri l’utilizzo del rilancio con le mani è molto importante da curare in quanto durante la partita aiuta la squadra nel ripartire con velocità all’azione di contrattacco.

    Per eseguire questo gesto è necessario da parte del portiere avere una buona visione di gioco e lucidità, questo perchè il portiere in quel caso ha una buona responsabilità perchè deve preoccuparsi che il pallone che lui lancerà sarà indirizzato esattamente ad un suo compagno di squadra e soprattutto senza metterlo in difficoltà di solito si usa il termine in “galera” :).

    Il lancio con le mani è utilizzato per raggiungere i compagni di squadra di solito non oltre la metà campo, anche se ci sono portieri che hanno la capacità di rilanciare anche oltre, ma sono davvero pochi, per cui il caso in questione è per quelli che non superano la metà campo.

    I 3 principi fondamentali da rispettare quando il portiere è in possesso di palla sono a parte alcune varianti questi:

    La palla deve essere data ai giocatori che sono sulle fasce laterali e che non sono pressati dagli avversari.

    La palla non deve assolutamente essere servita a giocatori nella zona centrale del campo in quanto è una zona molto pericolosa, se si da una palla centrale ad un compagno questo deve essere solo come nel deserto!

    La palla deve essere indirizzata ai giocatori dalla parte opposta da cui si è ricevuta la palla così da sfruttare il posizionamento errato degli avversari che devono ancora mettersi a posto.

    Se il portiere vede che non ci sono i presupposti per soddisfare questi principi deve invitare i compagni a salire e eseguire un rilancio lungo con i piedi.

    Ci sono situazioni in cui i compagni di squadra non si accorgono di avere avversari vicini e chiamano palla al portiere, se il portiere nota che le circostanze sono rischiose non deve assolutamente servire quella palla perchè se il compagno la perde le responsabilità ricadono inevitabilmente su di lui, li dietro comanda il portiere e nessun’altro anche perchè se no si perde potere agli occhi dei compagni di squadra.

    Ci sono 2 tipi di rilancio che secondo me sono quelli più importanti, ce ne sono altri ma ritengo siano meno efficaci di questi due che sono:

    Rilancio rasoterra

    Rilancio a bilanciere

    Il rilancio rasoterra è quello più utilizzato per indirizzare la palla verso i compagni più vicini al portiere anche se è quello più rischioso perchè può essere intercettato più facilmente dagli avversari.

    Il rilancio a bilaciere è quello per gittate più lunghe ed è meno a rischio di intercettamento in quanto il pallone è sopra la testa.

    Un appunto importante il rilancio a bilanciere non è quello dove la palla parte letarale alla spalla, quello è un altro tipo di rilancio che secondo me è poco efficacie perchè poco preciso.

    La giusta esecuzione del rilancio a bilanciere è quello dove la palla passa sopra la testa del portiere e non all’altezza della spalla, inoltre per rendere il rilancio più teso e preciso la palla deve essere lasciata dalla mano del portiere non quando la palla è dietro la testa ma quando la si ha davanti agli occhi, ovviamente un esercizio continuo e costante perfezionerà il gesto.

    La posizione delle gambe nel rilancio con le mani sia rasoterra è molto importante perchè da equlibrio, quindi se il portiere rilancia con il braccio destro la gamba che dovrà essere più avanzata è la sinistra, la gamba di appoggio oltre che aiutare a dare equilibrio aiuta anche a dare la giusta direzione alla palla e la giusta forza.

    Il portiere nel limite del possibile deve lanciare la palla sulla corsa del compagno quindi sempre davanti ad esso e mai dietro.

    Un allenamento per i portieri efficacie per allenare questo tipo di situazione sono sicuramente le partitelle che aiutano anche a conoscere le caratteristiche dei propri compagni così da creare con il tempo un lancio personalizzato per ognuno di loro, per esempio ci sarà la punta che vorrà sempre la palla sul petto da smorzare oppure quella che la vuole da spizzare di testa, oppure quello che la vuole sul piede per una sponda, le partitelle sono fondamentali per conoscere i compagni.

    Per quanto riguarda l’allenamento specifico invece si possono creare delle situazioni reali di partita, per esempio dopo aver effetuato un uscita alta, oppure, questo è un allenamento che ho fatto personalmente per allenare il rilancio a bilanciere si possono creare dei settori numerati con dei cinesini e per esempio dopo un uscita alta rilanciare la palla nel settore chiamato dal preparatore dalla parte opposta da dove è arrivato il cross, ovviamente più la categoria è alta e più la distanza dei settori potrà essere lontana.

    Cosa ne pensi di questo articolo? Mi piacerebbe avere un tuo parere e un tuo contributo!

    Ti sei gia iscritto ai contenuti gratis del sito?  Se non ti sei iscritto clicca subito QUI!

    Comments

    comments

    7 commenti

    1. antonio muresu

      8 anni fa  

      Ciao Mario. Questo è un argomento molto importante ed attuale.Da questo gesto, apparentemente così semplice,si possono decidere le sorti di un gara.E non stiamo parlando di una parata all’incrocio dei pali.Quante volte abbiamo visto
      portieri sbaglire, un gesto tanto semplice, ed innescare dei contropiedi micidiali, oppure il contrario.Il tuo articolo, specie quello in neretto, è molto importante.L’attività del portiere è molto complessa,correlata da gesti apparentemente semplci, come una rimessa con la mani, ma dai risvolti, a volte, molto complicati ed incerti.A presto Antonio


    2. zubygiaretta

      8 anni fa  

      ciao mario e grazie come sempre centri l’argomento in maniera semplice e completa.Anch’io spesso faccio esercitazioni per il rilancio con le mani.Ritengo sia importante che il ns.portiere faccia ripartire la squadra in modo adeguato e veloce quando serve.Solitamente io metto sulla 3/4 in movimento i portieri che alleno in un secondo momento .Anzichè avere dei riferimenti fissi (coni o birilli) dopo un cross o un tiro in porta chiamo uno dei 2 o 3 portieri in movimento e sul nome il portiere che stà facendo l’esercitazione in porta deve rilanciare al compagno con precisione e nel più breve tempo possibile il pallone.Ritengo sia più veritiero avere un riferimento mobile che dei conetti a terra fissi e in più mantengo i collegi “caldi”.Ciao Mario alla prossima


    3. giovanni

      8 anni fa  

      Grazie Mario per i sempre preziosi consigli. Anch’io facci di queste esercitazioni anche abbinandoli come presa alta e subito rilancio. Si vedono ancora anche portieri di esperienza sbagliare l’incrocio usando mano destra gamba destra.


    4. Mario Vella

      7 anni fa  

      Ciao Giovanni eh si purtroppo si vedono anche li in alto ed è per questo che dico che se sbagliano li è una componente molto importante da curare!


    5. Mario Vella

      7 anni fa  

      Ciao Gianpiero, si è meglio averli in movimento perchè si crea una situazione più reale di partita..;)


    6. Mario Vella

      7 anni fa  

      Ciao Antonio, io penso così che le cose che sembrano più semplici sono quelle più determinanti un rilancio eseguito correttamente può volere dire una possibilità in più per fare gol.. 😉


    7. fabrizio

      2 anni fa  

      Grazie Mister, l articolo mi e’ servito per rafforzare quello che già conoscevo ma che con il tempo si dimentica di curare perché si da per scontato, lavorando con portieri di Prima Squadra soprattutto, Buon Anno!


    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close