• “Qual è l’ingrediente fondamentale in un preparatore dei portieri di successo?”

    23876_328293107681_5487903_n1

    Oggi ti voglio parlare di una componente che secondo me fa la differenza nell’allenamento dei portieri tra un preparatore dei portieri normale e uno di più alto livello,  la componente di cui ti voglio parlare è l’atteggiamento.

    Le esercitazioni che si fanno svolgere a un portiere sono molto importanti, sicuramente l’aspetto tecnico e di qualità del lavoro che si propone è fondamentale, tuttavia secondo il mio punto di vista ciò che veramente fa fare il salto di qualità al lavoro che tu proponi è il tuo atteggiamento nei confronti del tuo lavoro e nei confronti dei tuoi ragazzi.

    Mi spiego meglio, anche chi non ha mai allenato o giocato a calcio potrebbe prendere delle esercitazioni per allenare i portieri, andare al campo e proporle, alla fine è una cosa semplice prendo le esercitazioni vedo come si fanno e le faccio fare, lo potrebbero fare tutti.

    Ma cos’è invece che veramente fa la differenza nell’applicazione di quelle esercitazioni?

    A mio parere come gia ho detto è l’atteggiamento che fa la differenza, l’entusiasmo con cui trasmetti ai tuoi portieri la passione per quello che fai, la convinzione che trasmetti ai tuoi portieri di quello che stai proponendo e il perchè stai facendo svolgere proprio quel tipo di esercitazione in quel momento e non in un altro momento.

    Secondo il mio punto di vista un preparatore dei portieri quando ha entusiasmo e trasmette passione per quello che sta facendo ai propri portieri anche gli stessi portieri vengono contagiati da questa passione e rendono ancora di più di quello che renderebbero in situazioni normali.

    E’ quindi importante proporre esercitazioni che facciano divertire i tuoi portieri che gli insegnino sempre qualcosa ma è altrettanto importante interpretare queste esercitazioni, è come se il preparatore dei portieri quando entra in campo diventi come un attore che interpreta la sua parte che è quella di trasmettere nel migliore dei modi ciò che vuole insegnare ai suoi ragazzi con il suo atteggiamento positivo e deciso.

    Può capitare che ci siano delle giornate no dove non si avrebbe molta voglia di allenare e si starebbe volentieri a casa ma secondo il mio punto di vista è importante focalizzarsi sul fatto che i tuoi ragazzi hanno bisogno di te al 100% in quell’ora e mezza di lavoro perchè tu sei per loro un punto di riferimento e il primo esempio da seguire ed è quindi importante per loro averti sempre al massimo di te stesso.

    Comments

    comments

    17 commenti

    1. enzo

      6 anni fa  

      Sono completamente d’accordo….


    2. daniele

      6 anni fa  

      E’ tutto vero quello che hai scritto


    3. daniele

      6 anni fa  

      Atteggiamento di guida soprattutto per i più giovani….!Leader del gruppo di lavoro…


    4. paolo

      6 anni fa  

      Ciao Mario, e’ sicuramente importante il modo in cui il preparatore si propone ai suoi portieri per far svolgere l’allenamento, cercando durante le varie fasi dell’allenamento di trasmettere voglia e passione, specialmente durante gli esercizi di cercare di spiegare al meglio quello che gli si vuole insegnare, correggendo gli eventuali difetti, stimolando nel portiere la voglia di migliorarsi e non rendendo inutile e sprecata quell’ora e mezza di allenamento. Un saluto, Paolo


    5. alessandro

      6 anni fa  

      Bravo Mario,sono pienamente d’accordo con il tuo articolo…bisogna sempre trasmettere passione e voglia di fare sempre meglio.Anche grazie al tuo bellissimo sito,cerco sempre di proporre esercitazioni nuove e divertenti,che rendono l’allenamento divertente e piacevole.Ciao grazie e buon anno


    6. Sergio

      6 anni fa  

      sono d’accordo con il tuo commento che è facile
      leggere e guardare gli esercizi ma non tutti riescono a mettere in pratica cio’ che vedono ma
      la cosa piu’ difficile è rendere interessante e divertente il tutto per appassionaare i ragazzi di varie età. Come io ho nel mio impegno con la Società.
      Ciao grazie e boun anno


    7. stefano c.

      6 anni fa  

      Mario cosa vuoi ke ti dica ogni tua mail centra sempre l obbiettivo….i miei allievi specie gli esordienti/giovanissimi preferiscono lavorare con me anzike fare la partitella quindi ho detto tutto. Un saluto cordiale.


    8. giuseppe

      6 anni fa  

      Sicuramente quello che dici è corretto ed infatti come si può capire ed intuire ,soltanto un portiere può svolgere questo ruolo in quanto come asserisco da sempre chi non è stato un portire non conosce la PORTA e tutto quello che comporta lo stato d’animo e le problematiche legate al ruolo.


    9. luciano

      6 anni fa  

      mario te si che sei un professionista


    10. Roberto

      6 anni fa  

      Sono d’accordissimo con te, già da tempo sono indirizzato su questa metotologia soprattutto con i più piccoli è più facile correggere errori ecc. i risultati sono molto buoni.
      Grazie Mario per la tua disponibilità.
      Roberto


    11. GIOVANNI

      6 anni fa  

      Rispondo a quanto affermato da Giuseppe. Effettivamente uno che non ha mai giocato in porta non può avere il patrimonio del vissuto che un ex portiere ha. Tutto questo però non vuol dire che non possa allenare i portieri. Con la passione e la dedizione sicuramente si può fare molta strada e da un certo punto di vista, il fatto non non essere stato portiere porta coscenziosamente ad un più approfondito studio su quello che si deve fare e sicuramente consente di non commettere errori con metodi vecchi e sbagliati . Da 6 anni- tre in una scuola calcio e tre in una scuadra di 1^ Categoria- alleno i portieri-Posso assicurare che atleti che hanno militato in categorie superiori apprezzano molto il mio lavoro che con passione aggiorno in continuazione. concludo che comunque il fatto di non aver giocato in porta è un qualcosa che mi manca ma è anche uno sprone per documentarsi e migliorarsi sempre dippiù.


    12. salvatore

      6 anni fa  

      complimenti Mario, hai centrato in pieno l’argomento. buon anno ,e buon proseguimento


    13. max

      6 anni fa  

      la passione che ci muove è fondamentale e il ragazzo atleta sente tutto ciò che noi gli trasmettiamo un saluto e buon lavoro


    14. remigio

      6 anni fa  

      SONO D’ACCORDISSIMO.


    15. monsss

      6 anni fa  

      GRANDE MARIO !!!! OGNI VOLTA DICI COSE CHE SEMBRANO SCONTATE, MA INVECE SONO RIFLESSIONI MOLTO SAGGE,SONO QUEI PICCOLI PARTICOLARI CHE FANNO DIVENTARE GRANDE UN PREPARATORE DEI PORTIERI E A SUA VOLTA I SUOI PORTIERI !!!!!


    16. ilario

      6 anni fa  

      Caro mario dico che ai pienamente ragione proporre allenamenti con una certa intensità ciao


    17. Mario Vella

      6 anni fa  

      Sono contento che vi troviate d’accordo con quanto dico..un saluto, Mario


    Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

    Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie Maggiori Informazioni

    Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

    Close